A causa della mancanza di materia prima, l’attività legata alla lavorazione del ferro non poté avere in Carnia sviluppo proporzionale a quello di altre regioni. L’arte del fabbro veniva appresa dai carnici fuori delle valli native, in particolare nelle zone della Stiria, Carinzia, Tirolo, L’oggetto che meglio rappresenta questo artigianato e l'alare o doppio alare (Cjavedal), che serviva a sostenere la legna da ardere e le pentole.

La bravura degli artigiani è dimostrata da una ricca serie di serrature di porte e portoni, chiavi, inferriate.

Grande altare doppio del sec. XVIII (Arta)

Inferriata (Canal di Gorto)